19 ottobre 2014

Cocktail al frutto della passione - Samoan Orange Passion Fruit Ade


E' un autunno, strano, molto caldo, quasi estivo.
Ancora si fa il bagno nelle località marine e rilassarsi sdraiati al sole potrebbe rivelarsi sempre pericoloso senza crema solare.
Anche a Samoa, la prima delle nostre mete del nuovo Abbecedario Culinario Mondiale, dove siamo ospiti di Marta, fa caldo, e qualcosa di fresco e vitaminico ci vuole durante la giornata. Analcolico, naturalmente, ma non per questo meno piacevole.
Se possibile, raffreddare la frutta in frigo, si userà meno ghiaccio poi.
Le proporzioni dei succhi possono anche variare a proprio gusto e piacere.
Ricetta originale qui.







Ingredienti:
1 tazza di succo di frutto della passione
mezza tazza di succo di arancia
un quarto di tazza di succo di lime
2 tazze di soda
sciroppo di zucchero, a piacere (anche no)
ghiaccio tritato
fettine di arancia e lime per decorare
menta fresca per decorare
fiori edibili per decorare


Mescolare i succhi di frutta insieme e aggiungere lo sciroppo di zucchero a piacere.
Successivamente aggiungere la soda.
Versare in ampi bicchieri pieni di ghiaccio e guarnire con le fettine di arancia e lime, un rametto di menta e un fiore.








Samoan Orange Passion Fruit Ade


A fresh, vitaminic and healthy fruit cocktail, ideal when relaxing and lazying during hot days.
Chill the fruit in the fridge, if possible, will use then less ice.
And you can vary too juices' proportions at your pleasure.







You need:

1 cup passion fruit juice
1/2 cup orange juice
1/4 cup of lime juice
2 cups soda watera
a little sugar syrup
(not really necessary)
crushed ice
slices of orange and lime to garnish
fresh mint to garnish
edible flowers to garnish






Combine the juices together and add the sugar syrup to taste.
Then add soda water and give a mix.
Pour into large glasses filled with crushed ice and garnish with a slice of orange and lime, a sprig of mint and a flower.






18 ottobre 2014

Announcing Black & White Wednesday # 148


I'm hosting this week BWW,
please send your entries to casacortella AT tin DOT it
till Wed, 22nd Oct, 2014,
the gallery will be up late in the evening Rome time.



Homemade Bread for World Bread Day
October 16th, 2014





Would like to host a gallery?
There are always hosting weeks available.  
Please contact me at casacortella AT tin DOT it  if you are interested,
or just leave a comment to thid post.

 Rules and new host line-up here.


We have a group on Flickr if you'd like to join and share your pics,
hashtag #BWFood on Twitter. 

16 ottobre 2014

Pane a lievitazione lenta - Slow Bread for World Bread Day 9th edition


World Bread Day 2014

English redcipe here


Oggi è la Giornata dell'Alimentazione ed è anche stata scelta da Zorra come Giornata Mondiale del Pane (World Bread Day) chiamando a raccolta foodbloggers di tutto il mondo a partecipare con un buon pane fragrante.
C'è tempo fino alla mezzanotte di oggi per sfornare un pane o un lievitato ed aggiungersi così al grande giorno, info e regole qui, e qualche idea panosa dagli archivi passati qui.
Si può seguire il World Bread Day in diretta anche su Facebook e Pinterest e utilizzare #wbd2014 sui social preferiti.
Quest'anno ho voluto onorare il nostro pane quotidiano con una sfornata che sto ripetendo spesso in questo ultimo periodo, diventando veramente il nostro pane di giornata. 
Non è quindi un pane di particolare bellezza, ma è molto profumato e gustoso, perché ho dato la preferenza alla scelta delle farine (sto sperimentando vari accostamenti e miscele) e all'impiego della pasta madre viva, come la definisce Renato Bosco, da cui ho ereditato il magico panetto iniziale.
Non proprio panetto, perchè in forma liquida, un licoli quindi (qui alcune info), fatto da Renato seguendo il metodo di Rolando Morandin (ho seguito un corso sul pane con Renato alle Tamerici proprio il mese scorso, ancora non ne ho parlato perchè sono in ritardo con molte cose, tra cui sistemare e caricare le foto, ma mi riprometto di farlo a breve).
Questo licoli si comporta come la pasta madre più compatta, ma va rinfrescato ogni giorno e sempre nella proporzione 1:1:1 (licoli-farina-acqua), usando farina manitoba, come suggerisce Renato. Sarà il caso che ora approfondisca l'argomento :-)

Per quanto riguarda le farine scelte, faccio un misto di farine pregiate e meno raffinate per godere di un gusto ricco e pieno, quasi di altri tempi, sicuramente più digeribili e nutrienti di quelle più sfruttate.
Ho la fortuna di avere un molino vicino a casa dove potermi rifornire facilmente, per quelle del molino Grassi c'è il suo shop online.






Essendo un pane ad alta idratazione, l'aiuto di un'impastatrice è quasi fondamentale (io spero tanto che quest'anno Babbo Natale sia più generoso del solito e riesca a portarmi una Miss più efficiente), un paio di stop durante la lavorazione aiuterà l'impasto a non surriscaldarsi troppo ed  ad assorbire meglio l'acqua, favorendo un miglior sviluppo della maglia glutinica.

Per praticità tempistica, meglio impastare la sera, lasciare lievitare tutta la notte, dare la forma ai pani, lasciare lievitare fino al raddoppio (quasi tutta la mattina) ed infornare verso ora di pranzo.






Ingredienti per 3 filoni di pane:

200 g di farina Miracolo
200 g di farina Multicereali
200 g di farina di Farro
200 g di Semola Senatore Cappelli rimacinata
200 g di farina InFibra Molino Denti
(integrale con germe di grano tostato)
150 g di pasta madre viva *
750/800 g di acqua
10 g di malto di orzo
20 g di sale


* usare pasta madre rinfrescata da qualche ora o al massimo 10/12 ore


Setacciare le farine  e mescolarle bene nella ciotola dell'impastatrice.
Iniziare ad impastare a velocità bassa, unendo a filo quasi tutta l'acqua (lasciarne da parte 50/80 g, si uniranno poi), il malto e il licoli.
Quando gli ingredienti iniziano ad essere ben amalgamati fare il primo fermo macchina, circa 10 minuti.
Proseguire con l'impasto per altri 10 minuti, aggiungendo un goccio di acqua quando la precedente è stata ben assimilata.
Fermare l'impastatrice per altri 5 minuti, quindi proseguire ad impastare fino ad esaurire l'acqua.
Può succedere, talvolta,  che non si riesca ad utilizzare tutta l'acqua, dipende anche dal potere assorbente delle diverse farine, in tal caso meglio avanzarla piuttosto che avere un impasto troppo appiccicoso e ingestibile.
Aggiungere poi il sale ed impastare ancora finchè ben amalgamato.
A questo punto l'impasto, molto morbido, sarà comunque omogeneo e ben incordato.
Trasferire sul piano di lavoro infarinato, tirarlo leggermente e ripiegarlo in tre (a busta) per una paio di volte (come fa Renato nel video). Mettere in ciotola, coprire e lasciare lievitare dapprima almeno un'ora in ambiente tiepido, sui 26/28° (si può riscaldare leggermente il forno e poi spegnerlo), quindi tutta la notte in frigo (impastando tardi la sera e poi pezzando la mattina presto si può lasciare l'impasto a temperatura ambiente in un locale fresco).

La mattina seguente levare dal frigo la ciotola e lasciare tornare l'impasto a temperatura ambiente per almeno un'ora.
Dividere l'impasto in tre parti uguali e formare tre filoni, cercando di non sgonfiare troppo l'impasto (in questo video Renato mostra come).






Mettere ogni filone in un canovaccio pulito e infarinato e lasciare riposare a temperatura ambiente fino al raddoppio (dalle 3 alle 6 ore). Per praticità, si possono mettere i filoni a lievitare sempre nel canovaccio o in carta da forno infarinata (io uso semola rimacinata) negli stampi da plum-cake, staranno più in forma. Altrimenti seguire le istruzioni date da Renato in questo video.
Rovesciare poi ogni filone, come mostra Renato nel video, sulla teglia ricoperta di carta forno. Se piace, si possono praticare delle incisioni con una lametta ben affilata.
Infornare a 200° per circa 40 minuti per pezzature di 500/600 g.







Happy World Bread Day!



World Bread Day 2014 (submit your loaf on October 16, 2014)

Template Design | Elque 2007